Oslo: prove per la cattura di anidride carbonica da inceneritore

Oslo: prove per la cattura di anidride carbonica da inceneritore

Ad Oslo, in fase di completamento il primo esperimento al mondo per catturare l’anidride carbonica dai fumi della combustione dei rifiuti solidi.

Il processo nell’inceneritore principale della capitale norvegese è iniziato nel mese di gennaio con il tentativo innovativo di sviluppare la tecnologia per riutilizzare la spazzatura per rallentare il riscaldamento globale.

Il test, presso l’inceneritore Klemetsrud, che brucia rifiuti domestici e industriali, è un passo avanti per catturare e seppellire i gas serra nelle centrali elettriche a carbone o fabbriche che utilizzano combustibili fossili.

Costi elevati

Finora, i costi elevati della tecnologia per la cattura e lo stoccaggio del carbonio erano troppo elevati ma la svolta è avvenuta lo scorso dicembre dopo che quasi 200 nazioni, a Parigi, sono pervenute ad un accordo per combattere il cambiamento climatico in un nuovo sforzo congiunto per potenziale la tecnologia per ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

Johnny Stuen, direttore tecnico dell’inceneritore Klemetsrud, ha detto che l’impianto è già attivo nell’erogazione di calore agli edifici della città. “Quello che vogliamo fare è bruciare il resto che non è utilizzabile per il materiale di recupero, perché è troppo sporco o troppo mista o qualsiasi altra cosa”, ha detto a Reuters Stuen. “Vogliamo recuperare l’energia prodotta perché ancora disponibile in modo che poi usiamo l’energia per teleriscaldamento e la produzione di energia elettrica.

L’inceneritore emette 300.000 tonnellate di CO2 all’anno

L’inceneritore Klemetsrud emette più di 300.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno, pari allo 0,6 per cento delle emissioni della Norvegia. Brucia anche rifiuti importati dalla Gran Bretagna.

L’anidride carbonica è il principale gas accusato dell’aumento delle temperatura, della siccità, inondazioni e dell’innalzamento dei mari.

L’impianto di test catturerà l’anidride carbonica fino a 2.000 tonnellate l’anno, fino alla fine di aprile, in cinque contenitori di alimentazione gas di scarico attraverso una serie di tubi e filtri.

In media stiamo catturando circa 2/2.5 tonnellate al giorno“, ha detto Espen Jorgensen, site manager dell’unità di sperimentazione per Aker Solutions, che sta conducendo il test.

La CO2 catturata verrebbe iniettata nella terra

Se la sperimentazione avrà successo, un impianto di cattura su larga scala della CO2 potrebbe essere costruito entro il 2020, hanno detto i funzionari. Il biossido di carbonio potrebbe poi essere spedito nel Mare del Nord per l’iniezione e lo stoccaggio permanente in strutture geologiche sotto il fondo del mare o iniettata in giacimenti di petrolio e di gas per contribuire alla pressione di sovralimentazione ed aumentare la produzione degli impianti stessi.

Siamo in grado di catturare 300.000 tonnellate di CO2 da 300.000 tonnellate di rifiuti, quindi circa una tonnellata di CO2 per tonnellata di rifiuti“, ha detto Stuen.

Costi su larga scala

I funzionari hanno rifiutato, fino ad ora, di parlare di costi ma hanno detto che il prezzo di emissione di anidride carbonica nel mercato di scambio delle emissioni dell’Unione europea dovrebbe essere al di sopra di 6 euro (6,50 dollari) per tonnellata con una tecnologia su larga scala.

Circa il 60 per cento della spazzatura bruciata a Klemetsrud è di origine biologica: dal legno al cibo. Ciò significa che la cattura delle emissioni sarebbe un passo per estrarre carbonio da un ciclo naturale nelle cosiddette “emissioni negative.”

Se riusciremo in questo intento, saranno emissioni negative perché il mix di carbonio nei rifiuti è di circa 50/60% di massa biologica e da 40/50% fossili, quindi la parte biologica di esso saranno considerate emissioni negative” ha proseguito Stuen.

Solo 15 grandi progetti in tutto il mondo

Un rapporto 2015 dell’Australia-based Global Carbon Capture and Storage Institute ha detto che ad oggi ci sono solo 15 grandi progetti CCS in funzione in tutto il mondo, tra cui una centrale elettrica a carbone gestito da Saskatchewan Power del Canada.

Se l’esperimento avrà successo, Aker Solutions spera di utilizzare la tecnologia a siti di waste-to-energy in tutto il mondo su circa 450 impianti in Europa e circa 700 a livello globale.

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Top